Matteo Cairoli si laurea ad Austin vicecampione della Porsche Mobil 1 Supercup 2016

Matteo Cairoli si laurea ad Austin vicecampione della Porsche Mobil 1 Supercup 2016
23 October, 2016 PORSCHE Mobil 1 SUPERCUP

Austin, 23 ottobre 2016. Di certo la stagione che si è appena conclusa ha confermato quello che già in tanti sapevano: Matteo Cairoli è un talento puro, un giovane su cui scommettere tutto. Al suo secondo anno nella Porsche Mobil 1 Supercup, il 20enne pilota comasco ha seriamente “rischiato” di vincere il titolo. Questo weekend era proprio ad un passo dal farlo. Poi tutto è crollato: una vittoria, il sogno di un successo inseguito per oltre sei mesi.

Ad Austin, nell’ultimo doppio appuntamento del campionato, Cairoli doveva recuperare solamente due punti nei confronti del tedesco Sven Müller. Ci sarebbe riuscito già sabato, quando partendo dalla prima fila ha immediatamente preso il comando di Gara 1 restandoci fino alla sesta tornata, facendo anche registrare il giro più veloce rimasto in seguito imbattuto. Poi un problema meccanico lo ha costretto a rientrare ai box e, per la prima e unica volta quest’anno, a ritirarsi.

Per lui, per tutti gli uomini del team FACH Auto Tech è stata la più grande delusione. Una delusione da cui bisognava subito riemergere. Matteo lo ha fatto proprio oggi, scattando in Gara 2 ancora dalla prima fila, lottando con il coltello tra i denti con il francese Mathieu Jaminet e alla fine concludendo secondo e laureandosi vicecampione.

Di più questa volta non poteva fare, perché per conquistare il titolo avrebbe dovuto vincere, ma soprattutto sperare che Müller rimanesse fuori dai punti. “Fa male, anche se sono soddisfatto di quello che ho fatto nel corso di questa stagione” - ha dichiarato Cairoli.

Il giovane comasco è consapevole perfettamente dell’ottimo lavoro svolto. Matteo è stato quello che ha ottenuto il maggior numero di successi, vincendo quattro volte: a Barcellona, sul “toboga” di Montecarlo, quindi a Hockenheim e sul tracciato casalingo di Monza. In America, il lombardo ci era arrivato con sole due lunghezze in meno nei confronti di Müller, ma anche con cinque pole position al proprio attivo. A ciò bisogna aggiungere il fatto che Cairoli è anche partito otto volte su dieci in prima fila e ha conquistato altri due podi, a Silverstone (dove ha concluso terzo) e appunto ad Austin. Un percorso che non ha riservato, almeno fino all’ultimo, delle sorprese.

Il campione 2014 della Carrera Cup Italia sembrava dunque proiettato verso un altro importante successo, ma questa volta le cose non sono andate per il verso giusto. Indipendentemente dal fatto che Cairoli abbia dimostrato tutto ciò che doveva dimostrare e non solo nella Porsche Mobil 1 Supercup, ma anche nelle due gare del Red Bull Ring e di Spa-Francorchamps dell’European Le Mans Series a cui ha preso parte nella classe LmGte. Ma anche con il quarto posto ottenuto al Lausitzring nell’unica sua apparizione nell’ADAC GT Masters, lo scorso giugno, o con le vittorie messe a segno nella Carrera Cup France e nella serie tricolore a Monza, dove ha monopolizzato l’intero weekend.

Oggi si è chiuso un paragrafo della sua carriera; Cairoli è adesso già pronto a scrivere un altro capitolo.